Venerdì 14 novembre: in piazza anche gli studenti

WhatsApp
Telegram

Gli studenti scenderanno in piazza venerdì 14 novembre, e si uniranno alle manifestazioni dei lavoratori previste lo stesso giorno.
 
Gli studenti chiedono azioni per garantire il diritto allo studio: denunciano che la Buona Scuola porterà le scuole al servizio delle imprese e ad aumentare la competizione fra studenti.

Gli studenti scenderanno in piazza venerdì 14 novembre, e si uniranno alle manifestazioni dei lavoratori previste lo stesso giorno.
 
Gli studenti chiedono azioni per garantire il diritto allo studio: denunciano che la Buona Scuola porterà le scuole al servizio delle imprese e ad aumentare la competizione fra studenti.

I ragazzi intendono protestare anche contro i tagli previsti dalla legge di stabilità al fondo per l’autonomia scolastica, ai corsi di recupero, all’alternanza scuola-lavoro, alla progettazione delle scuole, al personale ATA e alle supplenze brevi e, infine, contro i tagli alle regioni che porteranno a meno borse di studio.  Faranno sentire la loro voce anche contro il lavoro gratuito o sottopagato, contro la precarietà e per un reddito minimo a sostegno di tutti.
 
Chiedono un maggiore investimento nell’istruzione e nel rinnovamento della didattica, il diritto ad un istruzione gratuita, una maggiore partecipazione degli studenti nelle scelte riguardanti la scuola, l’aumento dell’obbligo scolastico a 18 anni, la fine della precarietà lavorativa e la creazione di spazi sociali per gli studenti, con scuole aperte anche il pomeriggio.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, corso di preparazione valido per preselettiva, scritto ed orale. Con esempi. Ultimi giorni a prezzo scontato