Sono vedova con due figli minori: la ministra mi aiuti a ricongiungermi con i miei figli. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Maino Antonella – Buongiorno, sono un’insegnante, che ormai da un anno è stata trasferita al nord. Sono entrata di ruolo nel 2015,con nomina a Bari,quando mio marito era già ammalato,e lottava per la sua malattia già da un anno!Purtroppo il 24 dicembre del 2015 mio marito è morto!

Ho dovuto partecipare alla mobilità straordinaria della legge 107 ritrovandomi a Modena( Sassuolo). Ho fatto le valige lasciando i miei due figli con i nonni…dopo 8 mesi dalla scomparsa del loro papà. Il cervellone elettronico del MIUR non ha tenuto conto del mio punteggio ,dando precedenza a quelli con punteggio 0.Ho inoltrato ricorsi ma il giudice di Modena li ha rigettati…Nonostante tutto ho lavorato dal primo giorno ritornando a casa ogni fine settimana per rivedere i ragazzi!

Con il nuovo trasferimento non ho ottenuto nulla,non vi dico la mia disperazione a dover lasciare i ragazzi al mio paese! Non posso portarli su con me perché l’ affitto di una casa più grande inciderebbe sull’economia famigliare e avrei bisogno di qualcuno che mi aiuti con loro in un nuovo paese!

Ora mi chiedo perché non tenere conto di questi grandi disagi e sacrifici di una vedova con due figli minori di 10 e 12 anni che hanno subito una così grande perdita e ora si ritrovano senza una mamma che gli stia vicino??? Se la MINISTRA riesce a leggerla mi aiuti a ritornare dai miei ragazzi!!!

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare