Varianti covid-19, Pregliasco: “Teniamo aperte le scuole ma rafforziamo protocolli di sicurezza e controlli”

Stampa

Il virologo dell’Università Statale di Milano, direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi e presidente dell’Anpas, Fabrizio Pregliasco, fa il punto della situzione in merito alle varianti covid-19, ritenendo necessari nuovi interventi. Inoltre, secondo l’esperto, per il momento le scuole possono restare aperte ma allo stesso tempo bisogna rafforzare i controlli.

Sappiamo che in Inghilterra c’è grande apprensione proprio perché la variante inglese viene trasmessa facilmente dai bambini. Il virologo, nel corso di un’intervista a La Stampa, ha dichiarato: “Il pericolo maggiore è rappresentato in questo momento da asili ed elementari. Però dico: le scuole teniamole aperte, ma rafforziamo i protocolli di sicurezza e i controlli per individuare tempestivamente eventuali focolai“. Quindi, per adesso, niente linea rigida sulle scuole, secondo Pregliasco.

Varianti Covid, anche i presidi preoccupati: attenzione nelle aule, difficile rientrare al 100%. L’anno prossimo tutti in classe

Eppure, la preoccupazione c’è: dopo la riunione del 15 febbraio fra il CTS, il ministro Speranza, il ministro Gelmini e il presidente Bonaccini, è emerso il problema: dal momento che la variante inglese ha dimostrato di poter colpire anche i più piccoli, l’indicazione sarebbe di un attento monitoraggio nelle prossime settimane per intervenire, laddove necessario, anche con un’interruzione generalizzata della didattica.

Covid-19, la variante inglese fa paura: no a lockdown ma la scuola in presenza è a rischio

In questo momento nel Paese assistiamo a un calo della mortalità, dopo i picchi raggiunti tra novembre e dicembre. Ma se non facciamo presto ad adottare delle contromisure rischiamo una nuova ondata“, spiega ancora Pregliasco. Ecco perchè “Se fossero confermati i dati dell’ultimo studio britannico della London School che stima un rischio di morte più alto del 58%, assisteremo sicuramente a un aumento anche importante dei contagi, probabilmente anche dei decessi e dei ricoveri. Sono stime ancora approssimative, ma ci dicono che dobbiamo tenere più alta l’attenzione”.

 

Stampa

Sogni d’insegnare all’estero? Scegli come requisito d’accesso alle prove il corso di interculturalità di Eurosofia