Variante covid, Ricciardi non si fida: “Arduo riaprire le scuole il 7 gennaio. Farei un lockdown subito”

Stampa

Prosegue il dibattito sulla nuova variante covid che potrebbe ripercussioni anche sul nostro paese, comprese quelle relative alla riapertura delle scuole.

Prosegue il dibattito sulla nuova variante covid che potrebbe ripercussioni anche sul nostro paese, comprese quelle relative alla riapertura delle scuole.Lo riconosce anche Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro del Salute, che invoca misure più restrittive con effetto immediato.

Covid-19, Miozzo (CTS): “La variante del virus non deve creare dubbi sull’efficacia dei vaccini”

Intervenuto nella trasmissione “Un giorno da pecora”, Ricciardi non ci gira intorno: “L’Austria fa un lockdown fino al 16 gennaio e poi consentirà di uscire dalla propria abitazione dopo un tampone. L’unica possibilità che abbiamo è limitare gli spostamenti e poi ricominciare a tracciare. Nella prima fase noi abbiamo fatto un lockdown rigoroso nella prima fase per 2 mesi e solo dopo quella chiusura abbiamo visto che la catena del contagio si è interrotta“, ha detto l’esperto che ha anche detto: “Se ragioniamo per analogia, abbiamo impiegato 2 mesi per far scendere un numero di casi inferiori rispetto a quelli attuali. Abbiamo bisogno di un periodo almeno analogo“.

Per questo motivo, secondo il consigliere del Ministro della Salute, pensare riaprire le scuole in presenza il 7 gennaio è “arduo“.

Variante covid può mettere in discussione il ritorno a scuola? “Aspettiamo il parere delle autorità sanitarie”

 

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio