Variante covid, Locatelli (ISS): “Non è più grave. Le scuole sono priorità assoluta. Spero riaprano”

WhatsApp
Telegram

Anche Franco Locatelli, presidente dell’Istituto superiore di sanità, interviene in merito alla nuova variante covid che negli ultimi giorni preoccupa e ribadisce l’importanza che la scuola riveste per l’intera società.

Tutti i virus vanno incontro a forme di mutazioni. Ci sono già diverse varianti di SarsCov2. Quella ‘inglese’ è un ceppo isolato il 20 settembre progressivamente emerso come variante di gran lunga più diffusa nel Regno Unito. I colleghi inglesi ci informano di una sua maggiore velocità di trasmissione. Per il resto, soprattutto per capacità di determinare forme più gravi di malattia Covid-19, non c’è nulla di diverso”, dice al Fatto Quotidiano Locatelli, prendendo una posizione distante dal collega Walter Ricciardi, che nelle scorse ore ha invocato un lockdown di prevenzione: “Rispetto alle misure – afferma – credo che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il governo hanno compiuto uno sforzo notevole per ottenere un buon punto di equilibrio durante il tentativo di mantenere la curva epidemica sotto controllo senza rinunciare a un minimo di socialità e affettività per il Natale. Dubito che il Paese possa reggere un secondo lockdown generalizzato da più points of view. Se queste misure basteranno si vedrà, ma mi auguro e credo di sì“.

Quanto alle scuole, conclude il presidente dell’ISS, mi auguro che potranno riaprire. Se larga parte delle regioni sarà in fascia gialla ci saranno le condizioni, la scuola è la priorità assoluta”.

E proprio la variante covid ha generato non pochi dubbi in vista della riapertura delle scuole di gennaio: oltre a Ricciardi dubbi arrivano anche da Giorgio Palù, virologo dell’università di Padova e presidente dell’Aifa, l’Agenzia del farmaco italiana. “Mi preoccupa l’idea di riaprire tutto dopo l’Epifania, a cominciare dalle scuole”, afferma alla Stampa. Palù ha messo in evidenza il risultato di uno studio con cui si “dimostra che il rialzo esponenziale dei contagi in autunno si è generato dopo il 14 settembre”. “Per le scuole superiori e per l’università è perciò meglio evitare la ripresa il 7 gennaio. I più grandi sono un pericolo, per genitori e nonni”.

 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito