Varaldo (FI): “Azzolina sveglia, mancano insegnanti non inutili banchi a rotelle”

Stampa

“A Pisa un bimbo con la sindrome di down. A Roma un bambino autistico.

Come in moltissime altre Città sono troppi, per un Paese che si voglia definire civile, i bambini e i ragazzi con disabilità che oggi sono dovuti rimanere a casa saltando il primo giorno di scuola perché non è stato garantito un loro diritto, l’insegnante di sostegno.”

Lo afferma in una nota stampa Tommaso Varaldo, Consigliere Comunale e Presidente dell’AIEF-Associazione Infanzia e Famiglia.

“Azzolina ha avuto diversi mesi per intervenire sulla carenza dei docenti di sostegno, è stata sollecitata con proposte concrete da Associazioni e Famiglie, ma ha sempre fatto orecchie da mercante. Oggi la tragica e preannunciata realtà: per migliaia di studenti con disabilità l’anno scolastico non parte e chissà quando potrà per loro partire.

Colpa di un governo incapace che ha dimenticato anche i più deboli”, conclude Tommaso Varaldo, che con l’Associazione Infanzia e Famiglia AIEF, che presiede, aveva promosso nel mese di Giugno un ordine del giorno presentato in diversi Comuni volto proprio a sollecitare il Governo ad intervenire su questa tematica.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur