Valutazione finale scuola primaria, giudizi descrittivi anche per educazione civica. Bocciature in casi eccezionali. La nota del Ministero

Stampa

La valutazione della scuola primaria prevede una evidente novità, già nota ma che la circolare ministeriale del 7 maggio ha ribadito: ci saranno giudizi descrittivi per gli alunni e dunque non voti.

Infatti, come abbiamo riportato nella mattinata del 7 maggio, il capo dipartimento del Ministero dell’Istruzione, Stefano Versari, in una nota inviata ai dirigenti scolastici, dà ulteriori indicazioni in merito alla valutazione periodica e finale nelle classi intermedie per il primo e secondo ciclo di istruzione.

Valutazione classi intermedie primo e secondo ciclo: sì a bocciatura, ma tenendo conto anche della pandemia. NOTA Ministero [PDF]

Per quanto riguarda la scuola primaria, pertanto, la valutazione finale degli apprendimenti è espressa mediante l’attribuzione di giudizi descrittivi per ciascuna disciplina di studio, compreso l’insegnamento di educazione civica, che corrispondono a diversi livelli di apprendimento, così come definiti dall’ordinanza ministeriale n. 172/2020 e dalle allegate Linee guida.

La nota ricorda che ai sensi del combinato disposto dell’articolo 3 del decreto legislativo 62/2017 e dell’ordinanza ministeriale n. 172/2020, gli alunni della scuola primaria sono ammessi alla classe successiva e alla prima classe di scuola secondaria di primo grado anche in presenza di livelli di apprendimento parzialmente raggiunti o in via di prima acquisizione.

Inoltre, i docenti contitolari della classe in sede di scrutinio, con decisione assunta all’unanimità, possono non ammettere gli alunni alla classe successiva solo in casi eccezionali e comprovati da specifica motivazione.

Infine, altro aspetto evidenziato dal capo dipartimento, è quello della certificazione delle competenze, di cui al decreto ministeriale n. 742/2017: questa è rilasciata agli alunni delle classi quinte ammessi al successivo grado di istruzione.

NOTA

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur