Coronavirus, scrutinio finale: tutti promossi fino alle medie e solo per la scuola superiore i debiti?

Stampa
valutazione

In attesa delle disposizioni ufficiali del Ministero sugli Esami di Stato di primo e secondo grado e sulla valutazione finale degli alunni di tutte le classi e gradi di istruzione, si avanzano delle ipotesi soprattutto riguardo all’ultimo punto.

Certezze

Le certezze, al momento, sono:

  • la validità dell’anno scolastico 2019/20
  • il non prolungamento delle lezioni a luglio;
  • le commissioni dell’esame di maturità composte da soli commissari interni;
  • le modifiche da apportare al D.lgs. 62/2017 (almeno in via transitoria) per valutazioni ed esami.

Valutazione finale alunni

  • Scuola primaria e secondaria primo grado

Possiamo affermare che per il primo ciclo, alla luce del D.lgs. 62/2017 e della situazione emergenziale creatasi, sembra:

  • impossibile non ammettere alla classe successiva gli alunni della primaria, per i quali nel citato decreto leggiamo: “I docenti della classe in sede di scrutinio, con decisione assunta all’unanimità, possono non ammettere l’alunna o l’alunno  alla classe successiva solo in casi eccezionali e comprovati da specifica motivazione”
  • quasi impossibile non ammettere alla classe successiva gli alunni della secondaria di primo grado, per i quali il decreto prevede: “Le alunne e gli alunni della scuola secondaria di primo grado sono ammessi alla classe successiva e all’esame conclusivo del primo ciclo, salvo quanto previsto dall’articolo 4, comma 6, del decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249 e dal comma 2 del presente articolo.” E ancora: “Nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o piu’ discipline, il consiglio di classe puo’ deliberare, con adeguata motivazione, la non ammissione alla classe successiva o all’esame conclusivo del primo ciclo.”
  • Scuola secondaria secondo grado

Per quanto riguarda la secondaria, relativamente alla quale sono previsti i cosiddetti debiti formativi da recuperare a settembre, secondo il Corriere della Sera, avanza l’ipotesi della promozione con il debito, quindi di rispettare la normativa.

D’altra parte il Ministro ha affermato più volte di non voler sentir parlare di “6 politico”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur