Valutazione dirigenti scolastici, preside si fa attribuire voti da docenti, ATA e genitori

Stampa
valutazione

Paura della valutazione? No. E’ questa la risposta del dirigente scolastico dell’ISIS “Buonarroti-Fossombroni” di Arezzo, il quale ha trovato un metodo per far valutare il proprio operato, rifiutando invece il sistema posto in essere dal Miur.

Il dirigente in questione, presidente toscano dell’ANP, è stato tra i primi a rifiutare il nuovo sistema di valutazione, fondato su aspetti prevalentemente burocratici.

La valutazione, sostiene il dirigente, deve essere effettuata da chi osserva da vicino l’operato del DS e cioè da docenti, personale ATA e genitori.  Così, il dirigente toscano ha deciso di somministrare un questionario con relativa attribuzione di voti da 1 a 10.

Si tratta di una decisione volta a dimostrare che i dirigenti sono concordi sul fatto di essere valutati, purché lo si faccia “su poteri concreti”.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese