Valutazione dirigenti, nodo centrale della riforma. Incarichi triennali e stipendi sul merito

di redazione
ipsef

Il testo della riforma della scuola conferma l'aumento delle responsabilità e dei poteri al dirigente scolastico, che dovranno essere equilibrate da una valutazine del suo operato.

Il testo della riforma della scuola conferma l'aumento delle responsabilità e dei poteri al dirigente scolastico, che dovranno essere equilibrate da una valutazine del suo operato.

Aumento degli ispettori

Primo passo, il reclutamento di chi dovrà valutare i dirigenti. Sarà aumentata la dotazione dei dirigenti tecnici in servizio presso il MIUR, anche superando temporaneamente le percentuali fissate per i dirigenti di seconda fascia. La spesa, per triennio 2016-2018, è autorizzata nel limite massimo di 7 milioni di euro per ciascun anno del triennio.

Incarichi triennali e stipendi dei docenti

Gli incrichi dei docenti avranno incarichi triennali e il risultato della valutazione influenzerà lo stipendio degli stessi.

Il nucleo di valutazione per valutare i dirigenti

Esso sarà istituito  presso  l'amministrazione scolastica regionale, sarà presieduto  da  un  dirigente  e  composto  da esperti anche non appartenenti all'amministrazione stessa.

Riforma, scarica il testo che sarà licenziato dalla VII Commissione cultura. Governo convoca sindacati

Versione stampabile
anief
soloformazione