Valutazione degli apprendimenti, arriva il “valore aggiunto”

di
ipsef

red – Di cosa si tratta? Di una "misura" che prenderà in considerazione anche i fattori di contesto in cui si inserisce la misurazione degli apprendimenti degli studenti.

red – Di cosa si tratta? Di una "misura" che prenderà in considerazione anche i fattori di contesto in cui si inserisce la misurazione degli apprendimenti degli studenti.

Parliamo del progetto VaLeS, che ha lo scopo di individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole e dei dirigenti scolastici.

Un elemento di novità che sarà inseritò, sarà proprio il "valore agiunto" che potremmo definire come una misura per il calcolo del miglioramento degli apprendimenti, che terrà conto della preparazine pregressa degli studenti in entrata, delle loro caratteristiche (ad esempio il background socio-economico-culturale) e del contesto in cui opera la scuola (ad esempio il numero di plessi, tournover dei docenti, età media dei docenti, % di allievi disabili)

Lo scopo è di permettere una valutazione a parità di condizioni ed evitare che si avvantaggino scuole che operano in contesti economici e socio-culturali più favorevoli.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare