Valutazione alla scuola primaria, dopo il via libera del Parlamento sarà un’ordinanza ministeriale a stabilire i nuovi criteri

WhatsApp
Telegram

Il governo ha annunciato un cambiamento significativo nella valutazione degli studenti della scuola primaria. A partire dal prossimo anno scolastico, i giudizi descrittivi introdotti nel 2020 saranno sostituiti. La misura è contenuta in un provvedimento in corso di discussione in Parlamento.

Cosa cambia

  • Giudizi sintetici: al posto dei livelli di apprendimento (avanzato, intermedio, base e in via di prima acquisizione), si ritorna a un sistema di valutazione più comprensibile per famiglie e studenti.
  • Valutazioni in decimi obbligatori al primo quadrimestre per tutti i gradi di istruzione, per una maggiore trasparenza.
  • Maggiori conseguenze per i comportamenti scorretti: programmi di cittadinanza attiva per gli studenti sospesi e possibili preclusioni alla promozione o agli esami di Stato in caso di gravi inadempienze.

Obiettivi della riforma

  • Semplificare e potenziare il processo valutativo.
  • Garantire maggiore certezza e trasparenza.
  • Promuovere la cittadinanza attiva e il rispetto delle regole.

Nelle scorse settimane, il Ministero, in particolare il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha più volte precisato che non si tratta di un ritorno al vecchio sistema di voti numerici. I giudizi sintetici saranno correlati ai livelli di apprendimento raggiunti. L’obiettivo è di migliorare la comunicazione con le famiglie e di dare maggiore valore all’esperienza valutativa delle scuole. Sarà un’ordinanza ministeriale, emanata successivamente all’approvazione del disegno di legge, a stabilire ulteriormente i contorni normativi.

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito, dunque, mira a semplificare, non a eliminare. L’obiettivo è rendere il sistema di valutazione più accessibile, aggiungendo al giudizio analitico delle valutazioni sintetiche (come le tradizionali pagelle), in modo che studenti e famiglie possano avere un feedback chiaro e immediato sul rendimento scolastico. L’iniziativa risponde alla necessità di orientare e motivare gli studenti, fornendo loro e alle loro famiglie strumenti comprensibili per interpretare i progressi e le aree di miglioramento.

Iter parlamentare del ddl

La mossa fa parte di una riforma più ampia, mirata a semplificare e potenziare il processo valutativo nelle scuole di ogni ordine e grado Il disegno di legge che introduce le modifiche al sistema di valutazione delle pagelle è attualmente in discussione al Senato. Nei prossimi giorni dovrebbe ottenere il via libera per l’iter del provvedimento, che potrà quindi approdare alla Camera dei Deputati.

L’emendamento

Il Governo

          All’articolo, apportare le seguenti modificazioni:

          a) al comma 1, lettera a), è premessa la seguente:

          “0.a) all’articolo 2, comma 1, le parole: “nel primo ciclo” sono sostituite dalle seguenti: “nella scuola secondaria di primo grado” ed è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “A decorrere dall’anno scolastico 2024/2025, la valutazione periodica e finale degli apprendimenti, ivi compreso l’insegnamento di educazione civica, delle alunne e degli alunni delle classi della scuola primaria è espressa con giudizi sintetici correlati alla descrizione dei livelli di apprendimento raggiunti. Le modalità della valutazione di cui al primo e al secondo periodo sono definite con ordinanza del Ministro dell’istruzione e del merito.”

           b) dopo il comma 1, è inserito il seguente: «1-bis. All’articolo 1 del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 22, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2020, n. 41, il comma 2-bis è abrogato.»

          c) al comma 4, lettera b), dopo il numero 3), è inserito il seguente: “3-bis) prevedere la votazione in decimi per la valutazione periodica e per quella finale degli apprendimenti delle studentesse e degli studenti del secondo ciclo di istruzione, in ciascuna delle discipline di studio previste dalle Indicazioni nazionali per i licei e dalle Linee guida per gli istituti tecnici e professionali”.

DISEGNO DI LEGGE

LINEE GUIDA

RELAZIONE TECNICA

Leggi anche

Alla scuola primaria si torna ai giudizi, da ottimo a insufficiente. Ianes: “Molti insegnanti vedono il voto anche come uno strumento di controllo

Valutazione alla scuola primaria, tornano i giudizi sintetici. Novara: “Terribile, è l’anticamera del ritorno ai voti numerici”

Voto in condotta, si farà riferimento all’intero anno scolastico e avrà impatto sulla media e sui crediti 

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri