In Valle d’Aosta quasi esaurite GaE primaria, affollate quelle di infanzia, pochi insegnanti di sostegno e molti posti liberi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le organizzazioni sindacali scolastiche CISL Scuola, SAVT École e SNALS, avendo seguito il dibattito nella seduta consiliare del 25 gennaio 2018, accolgono con favore la proposta di discutere fin da subito della necessità di stabilizzare il precariato storico della scuola valdostana.

Con il piano di potenziamento della scuola secondaria di secondo grado sono state svuotate le graduatorie ad esaurimento e, nel contempo, la scuola secondaria di primo grado ha subìto un drastico taglio di cattedre, avvenuto attraverso una semplice delibera di Giunta.

Per la scuola dell’infanzia e primaria invece, benché nella nostra Regione non sia mai stato attuato il blocco delle assunzioni per alcuni anni e nonostante che, a fronte dei pensionamenti siano sempre state effettuate le assunzioni necessarie, cionondimeno non sono stati istituiti in questi ordini di scuola i posti di potenziamento e rimane comunque aperta la piaga del precariato storico.

Se con molta probabilità nel prossimo futuro andranno esaurite le GAE della scuola primaria, quelle della scuola dell’infanzia sono ancora molto affollate, tanto che vi risultano inseriti abilitati fin dall’anno 2000 (situazione aggravata anche dalla denatalità registrata in questo momento storico).

Per quanto riguarda i docenti di sostegno della scuola primaria viviamo il paradosso che, a fronte di posti di lavoro disponibili, registriamo carenza di personale specializzato.

La piaga del precariato è poi aggravata dalla divisione della platea dei precari in due grandi categorie: coloro che risultano nelle GAE a pieno titolo e coloro che non possono accedervi pur avendo un diploma abilitante e pur prestando servizio da più anni nel sistema scolastico.

In questo contesto di emergenza e di forti criticità occupazionali, CISL Scuola, SAVT École e SNALS rinnovano l’appello alle istituzioni affinché si possano trovare le soluzioni politiche più eque nei tempi più brevi e ribadiscono la propria disponibilità all’immediato confronto con l’Assessore all’Istruzione ed il mondo della scuola nel suo insieme.

p. le oo.ss. Scolastiche
CISL Scuola, SAVT École e SNALS
Alessia Démé

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione