Valle d’Aosta, la “pecora nera” d’Italia: la corsa sfrenata del virus è “colpa della scuola”

Stampa

532,61 contagiati ogni 100mila residenti nella settimana 21-28 ottobre. La media italiana, invece, è di 232,02 contagiati. Basterebbe questo numero per capire la gravità della situazione in Valle d’Aosta.

Non solo: c’è da registrare anche il numero più alto di decessi per abitanti (7 su 100mila) e di ricoveri (60 su 100mila). Il Corriere della Sera, in un approfondimento, analizza la situazione nella regione alpina dove il virus cresce a ritmi sostenuti.

Luca Montagnani, coordinatore dell’unità di crisi, mette nel mirino la scuola: “Questo vale per tutti, la prova sta nei risultati in arrivo dopo la scelta della didattica a distanza per una classe su due delle superiori. Così la curva sembra stabilizzarsi”.

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole