Valditara: “Sei milioni di euro per gli incentivi da destinare ai docenti che lavorano nelle scuole di frontiera”

WhatsApp
Telegram

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha presentato la strategia del governo per affrontare la critica dispersione scolastica nelle regioni italiane più vulnerabili.

Per Caivano, il Ministero ha previsto l’inserimento di ben 20 docenti supplementari. Si prevede anche uno stanziamento considerevole per l’assunzione di personale Ata. Al fine di motivare e sostenere i docenti operanti in “scuole di frontiera”, cioè scuole situate in aree particolarmente sfidanti, sono stati stanziati 6 milioni di euro. Questi docenti, oltre al sostegno economico, godranno di un punteggio aggiuntivo per riconoscere il loro impegno straordinario.

Una somma significativa, 700 milioni di euro, è stata destinata a sostenere gli asili nido e le scuole dell’infanzia, in linea con gli obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). “È la prima volta che si mette in atto un intervento di tale portata per consolidare le aree con alta dispersione scolastica”, ha affermato Valditara.

All’interno dell’Agenda Sud, il ministro ha rivelato che oltre 2mila scuole saranno coinvolte. Per queste iniziative, sono stati stanziati 265 milioni di euro. Si punterà a potenziare 245 centri particolarmente critici attraverso dieci azioni chiave, che includono la formazione specifica dei docenti, retribuzioni personalizzate e l’ampliamento dell’orario scolastico. L’intervento prevede anche un incremento del corpo docente nelle materie fondamentali: italiano, matematica e inglese.

Una parte fondamentale del progetto riguarda le nuove assunzioni. Fino al 31 dicembre 2023, saranno effettuate 2mila assunzioni a tempo indeterminato, distribuite su 2mila scuole. A questo si aggiungono altri 13 milioni di euro per l’assunzione di ulteriori docenti e 25 milioni per rafforzare le competenze dei giovani. Il programma comprende anche supporti socio-psicologici dedicati agli studenti.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta