Valditara: “L’intelligenza artificiale al servizio della scuola, ma il docente resta centrale”

WhatsApp
Telegram

L’intelligenza artificiale è destinata a rivoluzionare il mondo della scuola, ma il ruolo del docente resta centrale. È questo il messaggio lanciato dal Ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara durante la presentazione del rapporto Invalsi 2024.

Valditara ha annunciato l’avvio di una sperimentazione in alcune scuole su kit basati sull’intelligenza artificiale, messi a disposizione di docenti e studenti per valutare i progressi nell’apprendimento. “L’intelligenza artificiale e le aule digitalizzate, su cui abbiamo investito 1,2 miliardi di euro, la formazione degli insegnanti, che hanno un ruolo decisivo nel gestire l’intelligenza artificiale al servizio dello studente, al servizio degli studenti disabili: da questo punto di vista noi dobbiamo sempre più modernizzare la nostra didattica”, ha affermato il Ministro.

Tuttavia, Valditara ha ribadito con forza che “la guida del docente è irrinunciabile e fondamentale”. Il docente, infatti, è “quello che è capace, tra l’altro, di motivare, di riaccendere l’entusiasmo, di creare quella comunità umana, quella comunità educante che deve sempre essere la scuola”.

L’intelligenza artificiale, dunque, come strumento a supporto della didattica, non come sostituto del docente. Un approccio equilibrato, che punta a valorizzare le potenzialità dell’IA senza dimenticare il valore insostituibile del rapporto umano e della guida educativa.

Leggi anche

Prove Invalsi 2024, Valditara: “I dati dimostrano importante miglioramento fin dalla scuola primaria. È l’inizio della svolta” [VIDEO]

Prove Invalsi 2024: segnali di ripresa, ma permangono criticità: rimangono gli ampi divari tra Nord e Sud. Tutti i dati per scuole

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri