Valditara è per la revisione del voto di condotta. Pacifico (Anief): “Il ministro ha ragione, l’aumento dei fatti di violenza contro i docenti induce al maggior rispetto delle regole civili”

WhatsApp
Telegram

Sui “fatti accaduti” duranti gli scrutini, con alcuni studenti ammessi all’anno successivo con 9 in condotta dopo essersi resi protagonisti di atti di violenza all’interno della scuola e la volontà di ristabilire “l’importanza del voto di condotta”, il “ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara ha ragione: le scuole sono autonome e anche il consiglio di classe decide, ma il dubbio è lecito”.

A dichiararlo è stato oggi Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ai microfoni dell’emittente radiofonica Italia stampa, commentando la posizione del ministro sull’esigenza di introdurre una revisione del voto di condotta della scuola secondaria, all’interno di un programma più ampio per vincere il bullismo.

Secondo il leader del giovane sindacato autonomo l’innalzamento dei casi di aggressioni nei confronti degli insegnanti è un dato di fatto che va colto, attraverso contromisure immediate e contrastanti: a questo punto “è importante mandare un segnale chiaro, anche considerando che gli atti di violenza contro i docenti sono ultimamente aumentati. Un docente è un pubblico ufficiale e bisogna educare i ragazzi al rispetto delle regole civili”, ha concluso Pacifico.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta