Valditara e la tesi scritta con ChatGPT: “Zero punti? Forse eccessivo, ma la responsabilità degli studenti è fondamentale”

WhatsApp
Telegram

Un aneddoto personale, quello raccontato dal Ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara durante la presentazione del rapporto Invalsi 2024, che ha acceso i riflettori sul tema, sempre più attuale, dell’intelligenza artificiale e del suo utilizzo nella scuola.

Valditara ha rivelato che la figlia gli ha raccontato di una studentessa che, in sede di laurea, ha presentato una tesi ringraziando ChatGPT per il contributo fornito. La commissione, pur riconoscendo la qualità del lavoro, ha deciso di assegnare zero punti alla candidata.

“Francamente, ho anche qualche perplessità sul dare semplicemente zero punti”, ha commentato il Ministro, pur ribadendo l’importanza della responsabilità individuale e del valore dell’impegno personale nello studio. “Dobbiamo evitare la deresponsabilizzazione a seguito dell’utilizzo delle varie chat GPT”, ha aggiunto, sottolineando come l’intelligenza artificiale debba essere uno strumento a supporto dell’apprendimento, non un sostituto dello studio e della riflessione critica.

L’aneddoto raccontato da Valditara apre un dibattito importante sul ruolo dell’intelligenza artificiale nella scuola e nella società. Se da un lato è innegabile che strumenti come ChatGPT possano offrire un supporto prezioso per la ricerca e l’elaborazione di contenuti, dall’altro è fondamentale che gli studenti imparino a utilizzarli in modo consapevole e responsabile, senza cedere alla tentazione di delegare all’IA il proprio lavoro intellettuale.

Per il Ministro, l’intelligenza artificiale deve essere integrata nella didattica in modo “etico e rispettoso della privacy“, ma sempre sotto la guida del docente, che “deve rimanere al centro del processo educativo”.

“La scuola è innanzitutto una comunità umana e il ruolo del docente è sempre decisivo”, ha ribadito Valditara, sottolineando l’importanza del rapporto umano e della guida educativa, che non possono essere sostituiti da algoritmi e software.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA