Valditara: “Docente tutor è un successo, sarà anche alle medie. Contratto? Prima rivalutazione, aumenti significativi per docenti e Ata, ma non basta”

WhatsApp
Telegram

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, in un’intervista a Il Messaggero, commenta positivamente la recente sottoscrizione del contratto della scuola, definendolo un primo passo significativo verso una maggiore valorizzazione del personale scolastico.

“Posso dire che per i docenti questo è il miglior contratto sin qui realizzato. È stato possibile anche grazie a quei 300 milioni originariamente previsti per altri progetti e che abbiamo invece utilizzato per finanziare il contratto. Siamo riusciti a dare 124 euro in media di aumento per docente e a destinare risorse ulteriori, pari a oltre 72 milioni di euro, al personale ausiliare tecnico e amministrativo”, dichiara Valditara.

Una delle novità più rilevanti è l’introduzione della figura del tutor nell’ordinamento scolastico. Questo ruolo, inizialmente sperimentato nelle scuole superiori, ha ottenuto un’adesione quasi totale e ora entra stabilmente nel sistema scolastico italiano, con la prospettiva di estendersi anche alle scuole medie.

Il Ministro affronta anche il delicato tema delle aggressioni agli insegnanti. L’istruzione ha avviato un censimento di queste violenze, offrendo inoltre agli insegnanti una tutela legale gratuita affidata all’Avvocatura dello Stato. Parallelamente, sono in fase di elaborazione nuove regole per contrastare il bullismo, che avranno impatto sul voto in condotta e sulle sospensioni.

Valditara si impegna a contrastare il crescente divario tra le scuole del Centro-Sud e quelle del Nord attraverso l’iniziativa “Agenda Sud”, che coinvolgerà inizialmente 240 scuole. Questa agenda prevede un aumento del numero di docenti, l’introduzione del tempo pieno, una formazione speciale per gli insegnanti e la maggiore coinvolgimento dei genitori. Le risorse necessarie saranno attingibili dal Pnrr e dai Pon.

Il Ministro Valditara conclude sottolineando l’importanza di questa riforma, che rappresenta un impegno significativo per l’istruzione italiana e uno sforzo concreto per ridurre le disparità regionali.

Leggi anche

Rinnovo contratto scuola, c’è la firma! 124 euro (lordi) in più per docenti, 94 per Ata, 190 per Dsga. Formazione e permessi: le novità

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri