Valditara ai Comuni: “Piano edilizia ambizioso, mai più tragedie e morte”

WhatsApp
Telegram

“La grande alleanza per la scuola e per il merito che stiamo cercando di costruire non può che avere tra i suoi interlocutori privilegiati le istituzioni più di prossimità, più vicine alle esigenza quotidiane dei territori, dei ragazzi e delle famiglie. A noi non interessa una singola riforma, a noi interessa qualcosa di molto più ambizioso e allo stesso tempo molto più concreto: interessa una grande strategia riformatrice che faccia ripartire l’ascensore sociale e che rimetta al centro la persona”.

Lo ha affermato il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, intervenuto all’assemblea dell’Anci.

“La persona dello studente che va aiutata a esplorare e a valorizzare i suoi molteplici e differenti talenti, la persona dell’insegnante che deve tornare ad essere una figura importante, fondamentale di riferimento all’insegna dell’autorevolezza e del rispetto della dignità e intrinseca del ruolo. – ha sottolineato Valditara – la figura dei genitori, delle famiglie che devono essere supportati in un’attività di orientamento intelligente per effettuare scelte consapevoli nell’interesse dei ragazzi”.

Tutto ciò secondo il ministro sarebbe ‘impensabile senza il coinvolgimento e il contributo attivo dei comuni e delle amministrazioni locali che spesso saranno e dovranno essere l’avanguardia di questo processo riformatore virtuoso. E’ per questo che ho voluto svolgere sin dai primi giorni del mio mandato un’interlocuzione costruttiva nel merito delle questioni, con l’Anci, con le Regioni e con l’Upi e ho annunciato la costituzione di un tavolo di lavoro comune che sia di confronto permanente e di operatività immediata per affrontare le priorità strategiche che intendiamo condividere”.

Valditara ha annunciato la creazione di una figura di riferimento che tenga ”costantemente i rapporti con l’Anci, per permettere ai lavori di essere più possibile spediti, per risolvere quei piccoli e grandi problemi che talvolta vengono a complicare i rapporti istituzionali e di concentrarsi quindi su raggiungimento dei risultati”.

“Per quanto riguarda la riqualificazione e la messa in sicurezza degli impianti scolastici abbiamo condiviso la fondata possibilità di implementare a breve un piano ambizioso e significativo sull’edilizia. Questo in nome di un imperativo categorico, mai più tragedie e morte nelle scuole”.

“La nostra scuola deve diventare sempre più intelligente, capace di rendere piacevole la permanenza dei ragazzi e di stimolare la creatività, attraverso un’edilizia riqualificata e l’attenzione agli ambienti – ha sottolineato Valditara – Un luogo in grado di accompagnare la crescita degli studenti”.

“Il contributo e il monitoraggio dei sindaci e dei Comuni saranno fondamentali – ha concluso il ministro – Come decisivo sarà il coordinamento con i Comuni per ottimizzare al massimo le opportunità di sviluppo offerte dal Pnrr”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur