Valditara a Orizzonte Scuola: “Carta del docente 500 euro ad 80mila precari”. Le nostre FaQ su come ottenerla

WhatsApp
Telegram

In una intervista alla nostra testata, il Ministro Valditara ha confermato che sono stati stanziati fondi per assegnare la Carta docente anche ai docenti precari. Un intervento che punta a colmare una diversità di trattamento tra docenti a tempo indeterminato e docenti che coprono incarichi su cattedre vacanti.

Tra i provvedimenti più recenti – ha detto Valditara al nostro direttore, Eleonora Fortunato, durante una video intervistac’è quello della carta del docente, che è stata estesa a oltre 80.000 precari, compresi i supplenti annuali con contratto fino al 31 agosto“.

Chi può richiederla?

Coloro che hanno ottenuto una sentenza favorevole in tribunale per usufruire della Carta del Docente.

Qual è la procedura?

Al fine di richiedere il riconoscimento del bonus Carta del Docente, è necessario inviare una copia della sentenza al Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) tramite posta certificata all’indirizzo [email protected].

Quali dati fornire?

La richiesta dovrà includere il codice fiscale dell’insegnante richiedente e le annualità per le quali il contributo è stato riconosciuto. Il Ministero, dopo aver esaminato la richiesta, la inoltrerà a Sogei, che accrediterà sul borsellino elettronico le somme dovute all’insegnante.

Qual è il sito sul quale trovo le modalità?

L’avviso contenente tutte le informazioni necessarie è pubblicato sul sito https://www.cartadeldocente.istruzione.it/#/

Cosa posso acquistare la la Carta del Docente?

Ricordiamo che la Carta del Docente può essere utilizzata per l’acquisto di diversi beni e servizi, tra cui:

  • Libri e testi, inclusi quelli in formato digitale, pubblicazioni e riviste utili per l’aggiornamento professionale.
  • Hardware e software.
  • Iscrizione a corsi di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali offerti da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
  • Iscrizione a corsi di laurea, laurea magistrale, laurea specialistica o a ciclo unico pertinenti al profilo professionale, nonché a corsi post-lauream o master universitari correlati al profilo professionale.
  • Biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche.
  • Biglietti d’ingresso a musei, mostre, eventi culturali e spettacoli dal vivo.
  • Partecipazione ad attività coerenti con quelle individuate nel piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e nel Piano nazionale di formazione di cui all’articolo 1, comma 124, della legge n. 107 del 2015 (Buona Scuola).

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso