Vademecum elezioni Consiglio istituto e le liste elettorali. La modulistica

Stampa

Il vademecum, sintetico, è riservato, quest’oggi, alla modalità per la presentazione dei candidati al Consiglio di Istituto. In allegato vi forniremo la modulistica per le componenti genitori, ATA e, naturalmente, docenti. Nella presentazione del vademecum un po’ adottato in tutte le scuole italiane, avremo attenzione ad un percorso di semplificazione dei percorsi per facilitare, in questo momento storico, il processo democratico delle scuole italiane.

Liste dei candidati (Artt. 30, 31 OM 215/1991) 

Le liste dei candidati devono essere distinte per ciascuna componente: genitori; personale docente; personale A.T.A. e possono essere formate anche da un solo nominativo.
I candidati inclusi nelle liste devono essere contrassegnati mediante numeri arabici progressivi e identificati mediante cognome, nome, luogo e data di nascita. Ciascuna lista deve essere presentata con le allegate dichiarazioni di accettazione dei candidati (rese in carta semplice e indirizzate alla Commissione elettorale di istituto) nelle quali si espliciti la non appartenenza ad altre liste della stessa componente nello stesso istituto.
Si ricorda al riguardo che nessun candidato può essere inserito in liste diverse dello stesso istituto, ne può presentare alcuna lista.
Le firma dei candidati accettanti e dei presentatori di lista devono essere autenticate dal dirigente scolastico, ovvero, dal docente collaboratore delegato, previa presentazione di documento identificativo in corso di validità, qualora non sia possibile procedere all’identificazione mediante conoscenza personale.

L’autenticazione delle firme

L’autenticazione delle firme dei candidati e dei presentatori può effettuarsi, indifferentemente:

  • mediante certificati di autenticazione in carta semplice, allegati alle liste e recanti per ciascun candidato/presentatore, prima della firma: cognome, nome, luogo e data di nascita, estremi del documento di riconoscimento del richiedente;
  • mediante firma per autenticazione apposta direttamente sulle liste, con indicazione degli estremi del documento di riconoscimento del richiedente.

In entrambi i casi, a margine di ciascuna firma dovrà esserci uno spazio riservato per l’autenticazione del dirigente scolastico o del suo delegato.

Liste dei candidati presentazione (Art. 32 OM 215/1991)
Come evidenziato con competenza nella modulistica realizzata dall’Istituto Comprensivo “G. Novelli” di Ravenna, diretto con competenza dal dirigente scolastico professoressa Agata Caudullo, una vera risorsa per la buona scuola italiana, ciascuna lista può essere presentata alla commissione elettorale:

  • da almeno due elettori della componente, ove questi non siano superiori a 20;
  • da almeno 1/10 degli elettori della componente, ove questi siano superiori a 20 ma non superiori a 200 (la frazione superiore si computa per unità intera) situazione che nella nostra scuola si verifica per la componente ATA e docenti;
  • da almeno 20 elettori della componente, ove questi siano superiori a 200, situazione che nella scuola si verifica per i soli genitori.

Ciascuna lista deve essere contraddistinta da un numero romano, secondo l’ordine cronologico di presentazione e da un motto indicato dai presentatori in calce alla lista. Essa può comprendere un numero massimo di candidati pari al doppio dei rappresentanti da eleggere per ciascuna categoria.
I membri delle commissioni elettorali possono sottoscrivere le liste dei candidati, ma non possono essere candidati. Non è ugualmente ammesso il ritiro di un candidato dopo la presentazione della lista, fatto salvo il successivo diritto di rinunciare alla nomina.

Liste dei candidati verifica (Art. 33,34 OM 215/1991)
La Commissione elettorale verifica che le liste siano:

  • sottoscritte dal prescritto numero di elettori, che questi siano della stessa componente della lista e che siano autenticate le firme dei presentatori;
  • accompagnate dalle dichiarazioni di accettazione dei candidati, che gli stessi appartengano alla categoria cui si riferisce la lista e che le loro firme siano autenticate, cancellando i nominativi dei candidati per i quali si verifichi il difetto di uno solo dei predetti requisiti.

La Commissione elettorale, inoltre:

  • provvede a ridurre le liste che contengano un numero di candidati superiore al massimo consentito, cancellando i nominativi dei candidati secondo l’ordine di numerazione con cui gli stessi sono inseriti nella lista;
  • cancellare i nominativi dei candidati inseriti in più liste;
  • cancellare i nominativi dei presentatori che abbiano presentato più liste, verificando che il loro numero non scenda sotto il minimo prescritto e invitando, in tale circostanza, mediante avviso pubblicato all’Albo della sede e all’Albo on line, i diretti interessati a regolarizzare la presentazione della lista entro i 3 giorni dalla sua presentazione e comunque non oltre il terzo giorno successivo al termine prescritto per la presentazione delle liste.

Di tutte le operazioni effettuate la commissione elettorale redige un verbale. Le decisioni prese sulla regolarizzazione delle liste sono rese pubbliche entro 5 giorni dal termine ultimo per la presentazione delle liste, mediante affissione all’albo, e possono essere impugnate entro i due giorni successivi alla data di affissione all’albo, con ricorso all’USR competente, che si pronuncia in merito nel termine di due giorni.
Le liste definitive sono affisse all’Albo e sono inviate ai seggi elettorali all’atto del loro insediamento.

Presentazione dei programmi (Art. 35 OM 215/1991)
L’illustrazione dei programmi può essere effettuata dai rappresentanti di lista, dai candidati, dalle oo.ss., dalle associazioni dei genitori e professionali riconosciute a livello ministeriale perle rispettive categorie da rappresentare.
È consentito lo svolgimento di riunioni dedicate alla presentazione dei programmi, negli edifici scolastici, fuori dall’orario delle lezioni e in locali riservati agli elettori.
Il dirigente scolastico stabilisce il diario delle riunioni in base all’ordine cronologico delle richieste ricevute, dandone contestuale comunicazione tramite avviso all’albo della sede e all’albo on line.

Predisposizione delle schede (Art. 36, comma 7, OM 215/1991)
Le schede devono essere costituite da fogli di uguale grandezza e devono riportare su entrambi i lati la dicitura “Elezioni del Consiglio d’Istituto” e, in funzione del numero della componente egli elettori, dovranno essere suddivise in gruppi con espressa indicazione della categoria mediante la dicitura

  • “Genitori”
  • “Docenti”
  • “Personale ATA”

I dirigenti scolastici provvedono a fornire ai seggi i fogli necessari all’atto del loro insediamento, stampando i facsimili delle schede in numero adeguato agli elettori del seggio per ciascuna componente.
Tutte le schede devono recare l’indicazione del seggio e del numero romano di ciascuna lista elettorale riferita alla componente della categoria di riferimento. Le schede devono essere vidimate dalla firma di uno degli scrutatori del seggio, qualora la firma sia apposta in anticipo, le schede devono essere custodite in plichi sigillati e siglati in corrispondenza dei lembi di chiusura.
Sulla parte interna delle schede elettorali, di colore bianco, accanto al motto di ciascuna lista, devono essere riportati i nominativi dei candidati.

Modulistica_presentazione_liste_c_i_08 genitori

SCADENZIARIO ELEZIONI CONSIGLIO DI ISTITUTO

Modulistica_presentazione_liste docenti

Modulistica_presentazione_liste_c_i_08 ATA

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia