Covid, scatta obbligo per docenti e Ata se entro il 20 agosto non si dimezza la quota di 222mila senza vaccino

Stampa

Il governo è al lavoro per la seconda parte di misure per il green pass. Dopo quello legato allo svago, adesso l’esecutivo Draghi pensa a quello per le attività lavorative.

Si pensa alla scuola, al lavoro e ai trasporti. La fase due dovrebbe portare a rendere obbligatorio il green pass anche per chi lavora, va a scuola e si sposta in città. La tempistica, secondo indiscrezioni dovrebbe essere la seguente: dopo il 15 agosto green pass anche per navi, aerei e treni, dal 1 settembre anche per scuola e lavoro.

Obbligo vaccinale dal 20 agosto se non si dimezza la quota di renitenti

La vera partita per quanto riguarda la scuola è sull’obbligo vaccinale. Scatterà la vaccinazione obbligatoria per docenti e Ata se entro il 20 agosto la pattuglia dei 222mila renitenti alla vaccinazione non sarà dimezzata, segnala La Stampa. In realtà, però, il dato potrebbe essere sovastimato dal momento che alcuni di loro si saranno registrati per età e non come lavoratori della scuola.

La struttura commissariale, però, vuole immunizzare anche il 60% degli studenti adolescenti per riprendere le lezioni in presenza e sicurezza. Sotto i 12 anni niente vaccino come già indicato dal Cts.

Vaccino anti covid docenti e Ata, ancora il 15% non ha ricevuto una dose. Figliuolo: “In tre regioni siamo sotto l’80%” I DATI

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”