Vaccino Covid, Marotta (Andis): “Occorre garantirlo al personale nelle regioni in cui opera”

Stampa

“Mettere in campo ogni possibile iniziativa presso le competenti amministrazioni statali e regionali perché venga garantita al più presto ai docenti, ai dirigenti e al personale Ata che ne abbiano fatta richiesta la vaccinazione anti Covid nelle regioni dove prestano servizio”.

Così il presidente dell’Associazione nazionale dirigenti scolastici Paolino Marotta in una lettera al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Marotta esprime “il disorientamento dei dirigenti scolastici italiani per le differenti modalità con cui in questi giorni le regioni stanno attuando la campagna vaccinale del personale scolastico”.

Eppure, segnala il presidente di Andis, nell’incontro di qualche giorno fa con il Ministro delle autonomie, i presidenti di regione avevano assunto l’impegno di portare a termine al più presto la somministrazione dei vaccini anche al personale scolastico.

“Se invece prendiamo in considerazione i numeri pubblicati ieri dal Ministero della Salute deduciamo che la vaccinazione anti Covid del personale della scuola è partita con ritardi inspiegabili e nella più grande differenziazione. L’Andis – conclude Marotta – ritiene che la vaccinazione del personale scolastico debba essere riconosciuta in tutti i territori come un’assoluta priorità ai fini della ripresa delle lezioni in presenza”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur