Vaccino Covid, l’Inghilterra frena sugli under 15: “Basso rischio di malattia, non è necessario”

WhatsApp
Telegram

In Italia la vaccinazione per gli adolescenti è terreno di dibattito tra gli scienziati, in Inghilterra, invece, il no è unanime: non è necessario vaccinare i ragazzini della fascia 12-15 anni. 

“Gli adolescenti sono intrinsecamente a basso rischio rispetto al Covid. I vaccini devono essere eccezionalmente sicuri per poterli inoculare. Dato il basso rischio di Covid per la maggior parte degli adolescenti, non è immorale pensare che possano essere protetti meglio dall’immunità naturale generata dall’infezione piuttosto che chiedere loro di correre il possibile rischio di un vaccino”,  dice Robert Dingwall, membro del Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione del Governo UK (Joint Committee on Vaccination and Immunization) e professore emerito e direttore fondatore dell’Istituto di Scienza e Società, Università di Nottingham.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito