Vaccino Covid, le Regioni dovranno vaccinare anche chi ci abita per lavoro

Stampa

Con un’ordinanza firmata nelle scorse ore il commissario per l’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo ha disposto che ogni Regione o Provincia autonoma “dovrà procedere alla vaccinazione non solo della popolazione residente ma anche di quella domiciliata nel territorio regionale per motivi di lavoro, di assistenza familiare o per qualunque altro giustificato e comprovato motivo che imponga una presenza continuativa nella Regione o Provincia autonoma”.

Una disposizione che inevitabilmente dovrà ancora una volta cambiare la distribuzione dei vaccini disponibili tenendo conto dunque non più o non solo della popolazione residente ma anche di quella domiciliata.

Ricordiamo che il problema era stato posto diverse settimane fa per la vaccinazione del personale scolastico. Altissimo, infatti, il numero delle persone che insegnano o lavorano in altre regioni rispetto a quella di residenza e che sarebbero state costrette a far ritorno a casa chiedendo dunque giorni di riposo e pagandosi il viaggio per poter ottenere il vaccino.

Vaccino Covid, quasi 980mila dosi somministrate a docenti e Ata. I dati regione per regione. IN AGGIORNAMENTO

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur