Vaccino Covid, inserire il personale scolastico tra le categorie prioritarie. Gissi: “Vaccinare anche i precari”

Stampa

Il Cts consiglia l’inserimento o il mantenimento del personale della scuola tra le categorie da vaccinare prioritariamente e, vista la recente approvazione del vaccino di Pfizer/BioNTech dai 12 ai 15 anni, l’inserimento, in queste categorie, degli studenti dai 12 anni in su.

È quanto emerge dal verbale del Comitato tecnico scientifico in risposta ai quesiti posti dal ministero di viale Trastevere.

“È stata recuperata la priorità per i vaccini al personale della scuola; tra questi ci sono anche i precari, che verranno purtroppo recuperati ad anno scolastico iniziato: sarebbe bene che quella platea venisse vaccinata subito. Vaccinare tutti i precari sarebbe una bella azione”, commenta Maddalena Gissi, che guida la Cisl Scuola.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur