Vaccino Covid, in Austria 150 docenti minacciano le dimissioni contro obbligo di vaccinazione

WhatsApp
Telegram

Un gruppo di insegnanti in Austria minaccia di dimettersi in polemica con l’obbligatorietà del vaccino contro il Covid a partire dal primo febbraio.

Lo riferisce l’agenzia di stampa Apa, che cita una lettera anonima inviata al premier della regione di Vorarlberg, Markus Wallner, ed alla responsabile dell’educazione, Barbara Schoebi-Fink, con la ‘minaccia’ dei 150 insegnanti, che i sindacati ritengono autentica.

“Vogliamo informarvi che 150 tra insegnanti e dirigenti scolastici della scuola dell’obbligo concluderanno il loro incarico per lo stato di Vorarlberg il primo febbraio del 2022 se l’obbligo generalizzato del vaccino entrerà in vigore in Austria”, si legge nella lettera, nella quale i firmatari sostengono di non essere pronti a mettere le loro energie “al servizio di un Paese che calpesta i diritti fondamentali del suo popolo e vuole costringere un terzo di loro a sottoporsi a vaccino sperimentale contro la sua volontà”.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito