Vaccino Covid, immunologo Clerici: “Se i docenti non si vaccinano, c’è rischio Dad. Più sali come classe ‘culturale’ e più senti scetticismo”

Stampa

Oggi “più sali come classe ‘culturale’ e più senti scetticismo” verso l’idea di vaccinarsi obbligatoriamente contro Covid. “È una cosa un po’ assurda. E invece tutti coloro che sono a contatto con il pubblico dovrebbero essere obbligati a farlo. Non puoi non essere vaccinato se sei a contatto col pubblico, punto e basta. Vale anche per i docenti: senz’altro non vogliamo tornare un’altra volta alla Dad e se i docenti non si vaccinano il rischio c’è”.

A evidenziarlo all’Adnkronos Salute è Mario Clerici, docente di immunologia dell’università degli Studi di Milano e direttore scientifico della Fondazione Don Gnocchi.

Per l’esperto ha senso profilare una forma di obbligo per i docenti simile a quello già vigente per i sanitari. Seguendo questa logica, aggiunge, “anche le commesse dovrebbero essere obbligatoriamente vaccinate. Ma loro sono in gran parte contentissime di vaccinarsi. Per quanto riguarda gli studenti, il problema è che è anche vero che i più giovani più raramente fanno la malattia grave, ma se si infettano continua a circolare il virus e verranno fuori varianti nuove. Quindi dobbiamo vaccinare quanta più gente possibile, anche da 12 anni in su fascia per la quale il vaccino è già disponibile. E anche gli under 12 quando avremo l’approvazione”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur