Vaccino Covid, Regioni telefoneranno e prenoteranno docenti e ATA aderenti che non l’hanno fatto. Il Governo vuole la massima copertura per rientro a settembre

Stampa

Il governo va “a caccia” del personale scolastico non ancora vaccinato. Secondo l’ultimo report (alla data del 25 giugno) non risultano vaccinati circa 225mila tra insegnanti e personale tecnico amministrativo (il 15,5%).

Una percentuale considerevole a sei mesi di distanza dall’apertura della campagna vaccinale, ancora più alta se consideriamo che in Sardegna e Sicilia la percentuale schizza ad oltre il 40%.

Si rende necessario, afferma il commissario per l’emergenza, Francesco Paolo Figliuolo, proseguire la massima copertura del personale scolastico” attuando “in maniera più incisiva il metodo di raggiungimento attivo di questi cittadini”.

Come già segnalato da Orizzonte Scuola sabato scorso, il commissario per l’emergenza chiede, quindi, alle Regioni di “attuare in maniera più incisiva il metodo di raggiungimento attivo di questi cittadini, provvedendo a prenotare gli aderenti e comunicando alla struttura del commissario entro il 20 agosto il numero dei soggetti impossibilitati ad aderire alla campagna vaccinale per motivi sanitari e di quelli che hanno manifestato la volontà di non aderire alla suddetta campagna”.

Vaccino Covid, in Sicilia e Sardegna quasi la metà di docenti e Ata deve essere vaccinato. Tutti i dati

Figliuolo, vaccinare i 200mila lavoratori della scuola mancanti. Saranno contattati dalle Regioni

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur