Vaccino covid alla fascia 12-15 anni, Rasi: “Fondamentale per la ripresa di settembre”

Stampa

Sul vaccino ai giovani fra i 12 e 15 anni si attende solo l’ok dell’Ema. Ok che dovrebbe essere scontato, a sentire Guido Rasi, ex direttore esecutivo dell’ente regolatorio Ue, ospite ieri di ‘Agorà’ su Rai3.

Il vaccino anti-Covid di Pfizer/BioNTech per la fascia d’età 12-15 anni “è già stato approvato dalla Fda in America e sarà approvato sicuramente all’Ema“, il cui via libera è atteso per il 28 maggio.

Allargare la vaccinazione ai giovanissimi “è fondamentale – sottolinea il microbiologo dell’università Tor Vergata di Roma, consulente del commissario per l’emergenza coronavirus e direttore scientifico del provider di educazione continua in medicina Sanità In-Formazione, gruppo Consulcesi – perché fa parte del secondo pilastro della gestione della pandemia” di Covid-19 “e cioè stroncare i punti di possibile diffusione” maggiore dell’infezione da Sars-CoV-2, che significa agire su “quelli che girano molto, che hanno la massima mobilità“.

E quella “dai 12 ai 30 anni è la popolazione che ha il massimo della mobilità. Iniziare a vaccinare loro diventa importante anche per settembre“. 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur