Vaccino Covid 5-11 anni, il pediatra Farnetani: “Fare in fretta, prima della stagione invernale”

Stampa

“È opportuno vaccinare anche sotto i 12 anni contro Covid il prima possibile. Se arrivasse a novembre il via libera al vaccino per questa fascia d’età ancora più giovane, sarebbe importante procedere subito, prima che cominci il periodo più intenso delle malattie stagionali dell’inverno, che si concentra tra dicembre e fine marzo”.

“Sarebbe importante arrivarci protetti al massimo. E si tratterebbe di vaccinare meno di 3,6 milioni di bimbi”, se si considera che tra i 5 e gli 11 anni “in Italia si contano per la precisione 3.590.422” baby-italiani.

A descrivere con i numeri la portata di questa sfida vaccinale è il pediatra Italo Farnetani, secondo cui la scuola potrebbe essere il cardine di una strategia efficace per raggiungere questa popolazione.

“Ci può essere qualche difficoltà nel vaccinare queste classi di età – dice all’Adnkronos Salute l’ordinario di pediatria della Libera Università Ludes di Malta – L’ho segnalato anche in passato: bisogna considerare fra i vari fattori anche la difficoltà da parte dei genitori, spesso per mancanza di tempo, di recarsi nei centri vaccinali. A mio avviso sarà opportuno creare presso ogni scuola dei centri mobili di vaccinazione per ottenere la massima compliance”.

“Le vaccinazioni a scuola raggiungono un’adesione del 95%”, segnala l’esperto che suggerisce di rendere più facile il percorso alle famiglie piuttosto che affidarsi unicamente a un loro ruolo attivo.

“È un traguardo alla nostra portata”, è convinto Farnetani, quello di raggiungere un’alta copertura in questa fascia d’età in tempo utile per affrontare l’inverno e la fase più difficile delle malattie stagionali. “Con i ritmi del commissario Francesco Paolo Figliuolo – conclude – possiamo vaccinare tutta questa popolazione in una settimana”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur