Vaccino Covid-19, Spirlì (Calabria): “Per vaccinare quasi 60mila operatori servono scuole chiuse per 2-3 settimane”

Stampa

“Abbiamo iniziato una proficua interlocuzione con i sindacati che rappresentano il personale docente  e non docente, con i rappresentanti della categoria dei dirigenti,  questo perché su mia proposta, e come prima regione, abbiamo deciso di inserire tutto il personale scolastico nelle categorie a rischio e  quindi pronti per la vaccinazione”.

Lo ha affermato nel corso di una diretta Facebook il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì.

“Cominceremo sicuramente a vaccinare il mondo della scuola dalla settimana prossima, vediamo se sarà lunedì o mercoledì – ha aggiunto –, la proposta che a oggi sembra essere stata condivisa è che le scuole rimangano chiuse per tutta la durata della vaccinazione e che la durata della vaccinazione, che interesserà tutto il personale, debba essere effettuata nel più breve tempo possibile”.

Per vaccinare “intorno a 59mila operatori della scuola”, ha sottolineato Spirlì, serviranno “due o tre settimane”.

Dunque, ha concluso, “quello che viene fuori dall’accordo è che per tutta la durata delle vaccinazioni” tutte le scuole, dalle inferiori all’università, “trasformeranno la didattica in didattica a distanza”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur