Vaccino covid-19 per docenti e ATA, chiarimenti dalla Regione Piemonte [FAQ]

Stampa

Dal 15 febbraio al via la vaccinazione anti-covid-19 per il personale scolastico del Piemonte. La regione ha pubblicato un documento con tutti i chiarimenti relativi alla campagna di vaccinazione.

Il documento ricorda che chi ha il medico di famiglia in Piemonte quando verrà chiamato per la vaccinazione dovrà presentarsi con il certificato di servizio. Invece, chi non ha il medico in Piemonte può segnalare la volontà di aderire alla vaccinazione al proprio Istituto o Ateneo di appartenenza.

Chi ha un’età superiore a 55 anni può manifestare la propria adesione, ma sarà convocato alla vaccinazione con le modalità e le tempistiche previste dal Piano nazionale di vaccinazione anti Covid19.

LE FAQ DELLA REGIONE PIEMONTE

Vaccino Covid-19, tutte le info utili

La Fase 1 e 2 puntano ad abbassare la letalità, mentre 3 e 4 mirano a contenere la diffusione del virus.

Le 4 fasi della campagna di vaccinazine sono così composte:

Fase 1: operatori sanitari e socio-sanitari, ospiti Rsa e over 80.
Fase 2: persone da 60 anni in su, persone con fragilità di ogni età, gruppi sociodemografici a rischio più elevato di malattia grave o morte, personale scolastico ad alta priorità.
Fase 3: personale scolastico, lavoratori di servizi essenziali e dei setting a rischio, carceri e luoghi di comunità, persone con comorbidità moderata di ogni età.
Fase 4: popolazione rimanente.

 

Vaccino Covid-19, con AstraZeneca somministrazione anche per docenti e Ata. Il quadro regione per regione

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur