Vaccino Covid-19, oltre 45mila dosi somministrate: bene Trento e Lazio, male Abruzzo e Molise

Stampa

Sul sito del governo è possibile visualizzare una sezione dedicata al Coronavirus e alle dosi del farmaco che vengono somministrate. Sono 45.667 le persone vaccinate contro il coronavirus in Italia, secondo l’ultimo dato disponibile sul portale online del commissario straordinario per l’emergenza.

In testa la Provincia Autonoma di Trento (somministrate 1.730 dosi, il 34,8% delle 4.975 disponibili) seguita dal Lazio (9.301 vaccinazioni, il 20,3% delle 45.805 delle dosi disponibili) e dal Friuli-Venezia Giulia (1.948 vaccinazioni, il 16,3% delle 11.965 dosi a disposizione).

Con appena l’1,9% la Sardegna è fra le ultime regioni per percentuale vaccini contro il coronavirus. In percentuale, peggio della Sardegna hanno fatto solo Abruzzo e Molise (1,7%).

La fascia di età più vaccinata è quella tra i 50 e i 59 anni (13.086), seguita da 40-49 (10.475) e da 30-39 (7.972).

La fase 1 della vaccinazione, che ha preso ufficialmente il via tra il 30 e il 31 dicembre a seconda delle regioni, interessa operatori sanitari e sociosanitari (al momento sono 40.148 vaccinati), personale non sanitario (2.181) e gli ospiti delle Rsa (3.338)

In tutta Italia dal 30 dicembre al 1 gennaio sono state consegnate 469.940 dosi di vaccino, che si sono aggiunte alle prima 9.759 arrivate il 27 dicembre.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese