Vaccino Covid-19, Cirio (Piemonte): “Facciamolo subito al personale scolastico”

Stampa

Anche Alberto Cirio, Governatore del Piemonte, invita a far inserire il personale scolastico fra le categorie a cui somministrare il vaccino già in fase 1. 

Ho chiesto al Governo di poter anticipare la vaccinazione anti Covid del personale scolastico già in questa prima fase“, scrive il presidente su Facebook.

Oggi sono ricominciate le lezioni e il Piemonte ha messo in piedi un progetto per garantire l’attività didattica e prevenire la nascita di focolai, attraverso tamponi volontari gratuiti rivolti sia al personale docente e non docente che agli studenti delle seconde e terze medie“, prosegue Cirio.

Ma il vaccino è un’arma fondamentale per questo desideriamo poter intervenire subito anche sul personale delle scuole, che è stata una delle categorie più colpite dalla seconda ondata del contagio“, conclude il presidente della Regione Piemonte.

L’appello di Cirio è l’ultimo, in ordine cronologico, in tal senso: nella serata del 6 genanio, anche il leader di Italia Viva, Matteo Renzi ha detto: “Ogni settimana l’Italia riceve 470mila  dosi di vaccino, lo stesso numero degli insegnanti della scuola media e superiore. La settimana prossima vacciniamo solo e soltanto gli  insegnanti, così che possiamo riaprire le scuole, dando i tamponi agli studenti e i vaccini agli insegnanti”.

Sempre dal mondo della politica, l’ex Ministra Gelmini invita a mettere in cima alla lista dei vaccinati gli insegnanti: “Di questo passo, infatti, – continua Gelmini – tenuto conto della doppia inoculazione delle dosi, prima che siano immunizzati tutti gli operatori della scuola arriveremo alle soglie della chiusura dell’anno scolastico. È un controsenso: tanto varrebbe allora non far finta di dar loro una corsia preferenziale. Docenti e personale delle scuole vanno inseriti da subito fra le priorità: l’impegno di tutto il Paese deve continuare ad essere quello di mantenere il virus il più lontano possibile dalle scuole e, disponendo dei primi quantitativi di vaccini, occorre dare un segnale immediato a insegnanti e famiglie”. 

Deciso su questa linea anche Pier Luigi Lopalco, epidemiologo e assessore alla sanità della Regione Puglia: “Se vogliamo davvero impattare sulla sicurezza nell’ambiente scolastico, iniziamo a proteggere chi ci lavora. Come per gli operatori sanitari, se vogliamo garantire il mondo della scuola vacciniamo subito gli operatori scolastici“.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur