Vaccino anti Covid, Viola: “Dobbiamo proteggere i nostri ragazzi e far ricominciare la scuola”

Stampa

A Sky TG24 è intervenuta l’immunologa Antonella Viola. Diversi gli argomenti trattati con la docente di patologia generale dell’università di Padova.

Per Viola le somministrazioni del vaccino per i giovani tra i 12 e 15 anni vanno assolutamente fatte per due ragioni.

 “Uno perché dobbiamo proteggere i nostri ragazzi – ha detto Viola – anche se è vero che nella maggior parte dei casi sono asintomatici o hanno comunque sintomi molto lievi, ma è vero pure che in alcuni casi possono andare incontro a una sintomatologia complessa; poi c’è il problema del long Covid, che si sta studiando adesso, cioé quali sono gli effetti a lungo termine dell’infezione anche in questa fascia d’età. Poi il vaccino bisogna farlo perché dobbiamo comunque permettere alla scuola di ricominciare e quindi dobbiamo bloccare questo sistema della didattica a distanza, delle quarantene e dei tamponi”. 

Se tutta la popolazione sarà vaccinata, si potrà fare lezione tranquillamente il prossimo anno, ha aggiunto la docente di patologia generale “e bisogna proteggere le persone fragili in luogo delle quali il vaccino non funziona e quindi hanno bisogno di un’immunità di collettività”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur