Vaccini, USR Emilia Romagna: situazioni conflittuali non si risolvono a scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Secondo quanto indicato dal Miur nella circolare n. 1679 del 01/09/2017, relativamente all’obbligo vaccinale, già dalla giornata di ieri i bambini non in regola con il predetto obbligo non possono entrare a scuola. 

Abbiamo già riferito di alcuni episodi di allontanamento di bambini non in regola, come ad esempio accaduto a Milano. 

Sulla questione è intervenuto il Direttore dell’USR per l’Emilia Romagna, Stefano Versari, il quale ha evidenziato che, laddove si dovessero presentare situazionali conflittuali, non è la scuola il luogo in cui risolverle.

Queste, come riferito dall’Ansa, le sue parole:

“se ci dovessero essere situazioni di natura conflittuale non è la scuola il luogo dove risolvere i conflitti. Non facciamo posti di blocco a scuola. Il dirigente scolastico o una persona da lui delegata, incontrerà in quel contesto la famiglia e gli spiegherà la situazione. Un bambino non si prende a calci, lo si prende per mano”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare