Vaccini: a Rimini vademecum no-vax

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A  Rimini, città al secondo posto in Italia per minor copertura e dove è più forte che da altre parti la presenza di gruppi contrari, circola un vademecum no-vax per aggirare la legge sull’obbligo vaccinale.

Lo stesso documento, secondo quanto riportato dall’ANSA, è stato inviato erroneamente anche al Comune.

Questi i consigli suggeriti ai genitori:

  • “mantenere la calma, tenere un atteggiamento composto, sereno, non aggressivo e non violento” e “attendere” che il bambino entri a scuola o venga chiamato un dirigente del Comune e il sindaco. Così si dovrà prendere atto della “posizione non violenta, ferma e decisa sui diritti. E vedremo cosa faranno”.
  •  inviare una raccomandata al sindaco, invocando una sorta di obiezione di coscienza.

Ferma la posizione dell’assessore alla Scuola Mattia Moroll: “Ma al Comune, spetta il compito di far applicare la legge ed è quello che faremo”.  E aggiunge: “Le scuole riminesi non diventeranno terreni di battaglia ideologica”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione