Vaccini. Protesta dei medici in Lombardia: i certificati vanno pagati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Protesta dei medici lombardi riguardo alle certificazioni da rilasciare ai bambini non vaccinati per ragioni sanitarie.

I certificati servono per garantire l’esonero ai bimbi immunodepressi o già immuni dalla malattia; vanno consegnati a scuola a settembre e devono essere gratuiti, ma i medici non ci stanno.

I dottori chiedono che i certificati siano pagati come quelli che attestano l’idoneità alla pratica sportiva. I sindacati lombardi della Fimp e della Simpef contestano il fatto che il certificato va fatto solo se il paziente fa a pagamento delle analisi per cercare gli anticorpi; quindi è un atto medico a tutti gli effetti, dicono, e va remunerato.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare