Vaccini, potrebbero restare solo le sanzioni pecuniarie ed essere superato il divieto d’accesso a scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Lega e M5S, come riferito, hanno presentato un emendamento alla legge n. 119/2017, volto a superare il divieto d’accesso ai nidi e alle scuole dell’infanzia dei bambini (0-6 anni) non vaccinati e l’obbligo di presentare la documentazione attestante l’avvenuta vaccinazione, l’esonero, il differimento o la formale richiesta di vaccinazione all’ASP di riferimento.

Vaccini: l’emendamento Lega-M5S che cancella obbligo certificazione

Obbligo vaccinale: abolito divieto d’accesso ai nidi e alle scuole dell’infanzia

Qualora l’emendamento della Lega e del M5S venisse approvato, sarebbe abolito il divieto d’accesso ai nidi e alle scuole dell’infanzia per i bambini non vaccinati.

Inoltre, non esisterebbe più l’obbligo di presentare la documentazione attente l’avvenuta vaccinazione, l’esonero o il differimento della stessa.

Così leggiamo nel testo dell’emendamento:

A decorrere dall’entrata in vigore della presente legge, per i servizi educativi per l’infanzia, le scuole dell’infanzia e per tutti i gradi di istruzione, ivi incluse le scuole private non paritarie, nonchè per i centri di formazione professionale regionale, la presentazione della documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni non costituisce requisito di accesso al servizio, alla scuola, al centro ovvero agli esami. Altresì, la mancata presentazione della documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni non determina la decadenza dall’iscrizione nè impedisce la partecipazione agli esami.

Fermo quanto previsto dal comma 1 dell’articolo 7 della presente legge, il comma 3 dell’articolo 3 e il comma 5 dell’articolo 3-bis del decreto-legge 7 giugno 2017, n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2017, n. 119, sono abrogati a decorrere dall’entrata in vigore della presente legge.

Obbligo vaccinale: sanzioni attuale

Secondo la legge n. 119/2017, attualmente, per i bambini/alunni non vaccinati (da 0 a 16 anni) sono previste le seguenti sanzioni:

  • bambini 0-6 anni: se non in regola con le vaccinazioni non possono frequentare asili nido e scuole dell’infanzia; sanzione da 100 a 500 euro;
  • alunni sino 16 anni: per le famiglie degli alunni non in regola con le vaccinazioni, sono previste soltanto le sanzioni pecuniarie da 100 a 500 euro.

Obbligo vaccinale in seguito all’emendamento

Se l’emendamento della Lega e del M5S verrà approvato, in definitiva, l’obbligo vaccinale resterebbe, tuttavia le uniche sanzioni sarebbero quelle pecuniarie, senza distinzione tra bambini da 0 a 6 anni e alunni dal 6 a 16 anni.

Ricordiamo che è stata depositata anche la proposta di legge sull’obbligo flessibile.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione