Vaccini obbligatori, potrebbero passare da 12 a 10 e obbligo solo per tre anni. Corte d’appello, nessun nesso con autismo

Stampa

Potrebbe essere questa la soluzione di mediazione relativamente alla legge sull’obbligo dei vaccini.

Secondo quanto previsto da un emendamento presentato dalla presidente della Commissione sanità, le vaccinazioni obbligatorie per l’iscrizione a scuola passerebbero, da 12 a 10. I vaccini obbligatori restano i 6 già previsti come tali nell’esavalente, ovvero anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse e anti-Haemophilus B. A questi, si aggiungono come obbligatori l’anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella, ma rivedibili dopo tre anni”.

Il meningococco B e C, previste dal decreto vaccini come obbligatorie, ritornerebbero così ad essere raccomandate.

Sui rischi legati alla salute, non del tutto fugati, è intervenuta la corte di appello di Salerno. Il tribunale ha ribaltato una sentenza favorevole ad un ricordo di genitori sul nesso tra autismo e vaccini.

Secondo la corte, non c è alcuna causa tra vaccinazioni obbligatorie e autismo.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur