Vaccini, Moige: da oggi a giovedì presenti al presidio davanti al Senato contro coercizione

Stampa

comunicato Moige – “L’obbligatorietà è un macigno che certamente non aiuterà quella politica vaccinale efficace che tutti auspichiamo. Per questo anche noi aderiamo al presidio promosso da tante realtà della società civile, contrarie alla coercizione non ai vaccini, che si terrà davanti al Senato a partire da oggi pomeriggio fino a giovedì.

“Auspichiamo ancora che l’Aula del Senato elimini il macigno della coercizione vaccinale. Sarebbe gravissimo, e chiaramente contraddittorio, se il Governo dovesse impedire una discussione aperta e trasparente sul decreto, ponendo la fiducia su un provvedimento che non solo va in netto contrasto con il Piano nazionale vaccini presentato dallo stesso
​G​overno ad inizio anno, ma è chiaramente e palesemente incostituzionale. In ogni caso, rimane irricevibile anche la sanzione fino a 3.500 euro, praticamente il triplo rispetto ad un barista che vende alcol ad un minorenne”.

“Confidiamo ancora nella saggezza dell’Aula e dei Senatori, affinché il decreto venga respinto e si avvii il percorso della raccomandabilità, seguendo l’esempio virtuoso del Veneto sui vaccini, che consentirebbe di recuperare la necessaria fiducia e le giuste coperture vaccinali”. Ha dichiarato Antonio Affinita, direttore generale del Moige – Movimento Italiano Genitori.​

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur