Vaccini, Lorenzin: accordo con Google per ripulire web da fake news. Non esiste modello veneto

WhatsApp
Telegram

“Stiamo lavorando in collaborazione con Google per indicizzare le notizie certificate scientificamente. Stiamo anche cercando con Google e polizia postale la via per rimuovere le false notizie che circolano in Rete e che sono pericolose per la salute pubblica”.

Lo dice – intervistata da La Stampa – la ministra della Salute Beatrice Lorenzin che lancia la guerra alla fake news sui vaccini. Parlando del ricorso del Veneto al Consiglio di Stato e del giudizio della Corte costituzionale sulla legge, Lorenzin sottolinea che “non ho alcun timore. Ricordo che in Italia fino al 1999 vigeva l’obbligatorietà vaccinale per l’accesso a scuola. E la Costituzione da allora non è cambiata. In questo modo abbiamo sconfitto la polio, il tetano, la difterite e il vaiolo”. Il governatore Zaia difende il ‘modello Veneto’, fondato non sull’obbligo vaccinale ma sulle informazioni alle famiglie. “È vero – afferma la ministra – in Veneto hanno l’anagrafe dei vaccini e questo consente la tracciabilità. Ma restano sotto il 95 per cento dei vaccinati, che costituisce la soglia di sicurezza per la cosiddetta immunità di gregge. Il dialogo con i cittadini è giustissimo, necessario, ed è previsto anche dalla legge, ma purtroppo non basta”. Annuncia poi che “partiranno spot nazionali per spiegare il decreto e l’importanza della vaccinazione. Scuole, Asl, saranno tutti coinvolti. Anche i nostri alleati più preziosi in questa battaglia di civiltà a favore della scienza: i medici di famiglia e i pediatri, di cui le famiglie si fidano”.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria, EUROSOFIA: Il 3 febbraio non perderti il webinar gratuito a cura della Prof.ssa Maria Grazia Corrao