Vaccini: in Lombardia ancora 95 mila studenti non vaccinati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Entro il 31 ottobre 2017, secondo quanto previsto dalla legge, tutti gli studenti compresi tra i 6 e i 16 anni avrebbero dovuto regolarizzare la loro posizione rispetto all’obbligo vaccinale. Per essere in regola è necessario essere coperti da tutti e dieci i sieri (contro poliomielite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, haemophilus influenzae di tipo B, morbillo, rosolia, parotite e varicella) oppure avere la richiesta di appuntamento.

Tuttavia, secondo quanto emerge dai dati delle Ats, e puntualmente riportato dal “Corriere dell Sera – Milano”, in Lombardia risultano ancora non vaccinati 95 mila tra bambini e ragazzi, di cui solo 4 mila  hanno già regolarizzato la loro posizione, mentre le agende dei centri vaccinali hanno segnato 11 mila appuntamenti per i prossimi mesi.

Nella sola Ats di Milano sono 8 mila le prenotazioni programmate, 400 gli alunni che hanno regolarizzato la propria posizione nelle scorse settimane sui 37 mila nella lista degli inadempienti.

Cosa succederà adesso?

Da oggi e entro il termine massimo di dieci giorni le scuole lombarde  forniranno alla Regione gli elenchi con il numero di iscritti che hanno portato i certificati di vaccinazione o la richiesta di appuntamento e il totale degli irregolari. La Regione convocherà i genitori che non hanno ancora adempiuto ai loro obblighi per invitarli a regolarizzare la posizione dei figli . Per chi si ostinerà a non rispettare gli obblighi è prevista una multa fino a 500 euro.

Tuttavia, contrariamente a quanto previsto per i bambini da 0 a 6 anni, i ragazzi dai 6 ai 16 anni potranno comunque continuare a frequentare la scuola anche se non vaccinati.

DECRETO-LEGGE 7 giugno 2017, n. 73 

LEGGE 31 luglio 2017, n. 119 

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione