Vaccini, ecco la documentazione da presentare

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le istituzioni scolastiche, com’è noto, sono state investite da nuove incombenze legate all’obbligatorietà delle vaccinazioni per i bambini da 0 a 16 anni, compresi i minori stranieri non accompagnati. 

Per il prossimo anno scolastico, ormai alle porte, è prevista una fase transitoria, secondo cui i genitori devono presentare a scuola la documentazione attestante l’effettuazione delle vaccinazioni previste o l’esonero, l’omissione o il differimento o la richiesta di vaccinazione all’ASL.

La predetta documentazione può essere sostituita da una dichiarazione, resa ai sensi del DPR n. 445/2000.

La documentazione o la dichiarazione vanno presentate:

  • entro il 10 settembre 2017 per i bambini della scuola dell’infanzia e delle sezioni primavera;
  • entro il 31 ottobre 2017 per gli alunni della scuola primaria e secondaria di I e II grado.

Nel caso in cui si presenti la succitata dichiarazione, la documentazione va presentata entro il 10 marzo 2018.

Quale documentazione va presentata?

La documentazione per le vaccinazioni effettuate è la seguente (l’una o l’altro):

 attestazione delle vaccinazioni effettuate rilasciata dall’ASL;

 certificato vaccinale rilasciato dall’ASL o copia del libretto vaccinale vidimato dall’ASL (in questo caso, i genitori esercenti la responsabilità genitoriale, i tutori o i soggetti affidatari dei minori fino a 16 anni devono verificare che la documentazione prodotta non contenga informazioni ulteriori oltre a quelle indispensabili per attestare l’assolvimento degli adempimenti vaccinali previsti).

La documentazione da presentare in caso di esonero, omissione o differimento delle vaccinazioni è la seguente (l’una o l’altra):

 attestazione del differimento o dell’omissione delle vaccinazioni per motivi di salute redatta dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta del servizio sanitario nazionale;

 attestazione di avvenuta immunizzazione a seguito di malattia naturale, rilasciata dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta del SSN, oppure copia della notifica di malattia infettiva rilasciata dalla azienda sanitaria locale competente o verificata con analisi sierologica.

Nel caso in cui il bambino non sia vaccinato, ma i genitori hanno avanzato richiesta all’ASL, si deve presentare copia di quest’ultima.

Per la dichiarazione il Miur ha reso disponibile un apposito modello.

Vaccini, dirigenti scolastici devono informare tempestivamente le famiglie sui nuovi obblighi

Vaccini, nuove regole formazione classi slittano al prossimo anno

Vaccini, docenti ed ATA dichiarazione situazione vaccinale entro il 16 novembre. Modello Miur

Vaccini, cosa fa la scuola per l’anno scolastico 2017/18

Vaccini, prime indicazioni Miur e modelli autocertificazione genitori e docenti. La circolare

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione