Vaccini, in Liguria da metà settimana prossima probabilmente si inizia con i docenti

Stampa

Tra oggi e domani “presenteremo con maggiore accuratezza la seconda parte del piano vaccinale, che riguarda gli under 65 e le categorie prioritarie, come ad esempio le forze dell’ordine e i dipendenti della scuola, che saranno vaccinati da medici di medicina generale: si comincerà con ogni probabilità da metà della settimana prossima, non appena avremo raggiunto scorte sufficienti del siero AstraZeneca e perfezionato l’accordo con i medici di medicina generale”.

Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti fa il punto sulla situazione Coronavirus e vaccini in Liguria.

“La provincia di Imperia resta quella che risente di più della circolazione del virus, a livello regionale è stabile il numero degli ospedalizzati, non cambia quindi, a livello sostanziale, la pressione sui nostri ospedali”, prosegue Toti.

“Sul fronte dei vaccini, avevamo parlato di 19mila vaccini la settimana per rispettare il piano di prenotazioni, e i numeri di oggi ci dicono che siamo perfettamente in linea con gli obiettivi. Con l’arrivo di ulteriori dosi di vaccino AstraZeneca le somministrazioni aumenteranno”, precisa.

“Esiste un piccolo disallineamento a livello di dati tra la piattaforma di comunicazione ministeriale e quella che abbiamo adottato fino a ieri – spiega Toti – : le due piattaforme si stanno allineando, e tra venerdì e sabato questo scostamento, che riguarda circa 9mila vaccini assenti dalla piattaforma ministeriale, fattore che spiega il fatto che talvolta Regione Liguria risulti più indietro di altre regioni, sarà risolto. In ogni caso i controlli incrociati confermano che siamo perfettamente in linea con il piano programmato, che dipende ovviamente dall’arrivo dei vaccini. Voglio sottolineare che nelle ultime settimane sono cambiate ben 12 volte le quantità e le date di consegna: la prudenza è quindi necessaria”.

“Dal Ponente, oltre alle misure ulteriormente restrittive (chiuse anche le scuole, ndr), che resteranno in vigore anche se andremo in zona gialla da questo fine settimana, abbiamo individuato un sistema screening sulla popolazione di Ventimiglia e Bordighera, screening che si aggiunge a quelli già effettuati sul territorio, attraverso un camper attrezzato nei due comuni – conclude – Questo ci consentirà, come già fatto nel centro storico di Genova e alla Spezia nel quartiere Umbertino a fine settembre, di aumentare il numero dei tamponi e quindi, assieme alla campagna di vaccinazione dei frontalieri, ci auguriamo che possa ricondurre nei prossimi giorni l’incidenza del virus in quelle aree nella media regionale, che resta una piuttosto stabile”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur