Vaccini, Grillo: contraria all’obbligo, ma necessario per morbillo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A partire da oggi, secondo la normativa vigente, i bambini non vaccinati non possono frequentare gli asili nido e le scuole dell’Infanzia, mentre ai genitori degli alunni sino a 16 anni non in regola con l’obbligo vaccinale sarà comminata una multa da 100 a 500 euro.

Il Ministro Grillo, come riferisce Askanews, si è espressa contro l’obbligatorietà delle vaccinazioni, tanto più che il problema rimane per gli adulti:

“I dati sono migliorati per i nuovi nati, ma il dl Lorenzin non può incidere sui giovani adulti vulnerabili, quelli fuori dall’età scolastica. Questa è la critica principale a quella legge: aver puntato tutto e solo sull’ obbligo sperando che bastasse. Sulla consapevolezza più che l’ obbligo in sé, ha funzionato il dibattito che si è scatenato in questi anni”.

L’obbligatorietà, afferma il Ministro, deve esserci quando e dove è necessario, in base ai dati epidemiologici, e solo per quelle malattie che lo richiedono, come prevede il disegno di legge già depositato.

Così, ad esempio, per il morbillo, considerata l’epidemia in atto, va mantenuta l’obbligatorietà.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione