Vaccini. Il genitore: perché per gli insegnanti non ci sono gli stessi obblighi dei bambini?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Continua a far discutere l’obbligo vaccinale, non solo gli esperti e gli operatori del mondo della scuola scuola, ma anche i genitori.

La scadenza dell’11 settembre, com’è noto, ha interessato i bambini della scuola dell’infanzia e dei servizi educativi per l’infanzia, relativamente ai quali la presentazione della documentazione attestante l’assolvimento dell’obbligo vaccinale costituisce requisito d’accesso. Pertanto, i bambini non in regola vengono esclusi dalla frequenza sino all’avvenuta regolarizzazione.

Una mamma di due bambini piccoli ha scritto a Famiglia Cristiana per far conoscere i non pochi disagi affrontati al fine di ottenere la documentazione prevista per evitare l’espulsione dal nido del proprio figlio entro l’11 settembre.

La mamma, oltre a raccontare la sua vicenda personale, ha evidenziato il fatto che gli stessi obblighi non riguardano i docenti, pur essendo gli stessi  quotidianamente a contatto con in bambini.

Com’è noto, gli insegnanti non hanno alcun obbligo se non quello di dichiarare le vaccinazioni effettuate o indicare quelle che non ricordano di aver effettuato. L’autocertificazione va presentata entro il 16 novembre 2017.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione