Vaccini, entro il 31 ottobre comunicazione classi con più di due alunni non vaccinati

WhatsApp
Telegram

Nei giorni scorsi, abbiamo riferito su cosa devono fare i dirigenti scolastici in presenza di alunni che non possono vaccinarsi per un particolare stato clinico.

Vaccini, bambini immunodepressi vanno inseriti “di norma” in classi di soli vaccinati

Lo stesso articolo 4 della legge 119/2017, dedicato alla formazione delle classi, detta una scadenza che le scuole devono rispettare. Vediamo quale e perché, ricordando dapprima le sanzioni previste per gli alunni non in regola con l’obbligo vaccinale.

Vaccini: sanzioni

Dobbiamo distinguere tra bambini da 0 a 6 anni e alunni da 6 a 16 anni:

  • bambini 0-6 anni: se non in regola con le vaccinazioni non possono frequentare asili nido e scuole dell’infanzia (Il Ministro Salvini al riguardo ha scritto alla Grillo affinché si superi tale divieto e si faccia proseguire la frequenza dei piccoli alunni sino al termine dell’anno scolastico);
  • alunni sino 16 anni: per le famiglie degli alunni non in regola con le vaccinazioni, sono previste sanzioni pecuniarie da 100 a 500 euro.

Vaccini: bambini immunodepressi in classi di soli vaccinati

Considerato che i bambini della scuola primaria e secondaria (sino a 16 anni) non in regola con le vaccinazioni proseguono comunque la frequenza, la norma prevede che i dirigenti inseriscano gli alunni, che non possono vaccinarsi per un particolare stato clinico (casi di omissione o differimento), in classi di soli minori vaccinati o immunizzati.

Vaccini: entro il 31 ottobre comunicazione classi con più di due alunni non vaccinati

L’articolo 4/2 della summenzionata legge 119/2017 così dispone:

2. I dirigenti scolastici delle istituzioni del sistema nazionale di istruzione e i responsabili dei centri di formazione professionale regionale e delle scuole private non paritarie comunicano all’azienda sanitaria locale, entro il 31 ottobre di ogni anno, le classi nelle quali sono presenti piu’ di due (( minori)) non vaccinati.

I dirigenti scolastici, dunque, devono comunicare all’ASL entro il 31 ottobre di ogni anno,  le classi in cui sono presenti più di due alunni non vaccinati.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana